mercoledì 4 dicembre 2013

PULIZIA PENNELLI




Pennelli:
Neve Cosmetics Kabuki
Avon pennello per eyeliner
Pennello viso (di mia madre)
Avon Pennello per fard
Shaka pennelli per ombretto
Pennello per ombretto





Ciao ragazze, oggi volevo parlarvi di una pratica poco effettuata: la pulizia dei pennelli!

Si pensa ai pennelli come semplici strumenti per applicare il make up, ma in realtà, con il ristagno di trucco e cellule morte, potrebbero formarsi dei batteri che andrebbero poi a diffondersi sul nostro viso.
Il rischio è quello di causare eruzioni cutanee o foruncoli antiestetici!
Quindi, almeno ogni due settimane, bisogna effettuare la pulizia.
In passato, neanche io effettuavo la pulizia dei pennelli: mi truccavo pochissimo ed utilizzavo un solo pennello per il blush e, raramente, uno per ombretto.
Utilizzavo solo il fondotinta liquido, che non ho mai applicato con dischi, spugnette o pennelli, ed ancora lo applico semplicemente con le mani (riesco a dosarlo e stenderlo meglio).
Anche l’ombretto lo applicavo/applico con le mani! 
Ho acquistato, come sapete, dei pennelli per occhi per essere più precisa nella stesura, soprattutto per lo smokey, ma quando sono di fretta, non utilizzo alcun pennello.
È importante lavare tutti gli occorrenti: pennelli, spugnette e dischetti con cui applichiamo i nostri prodotti per il make up.

Oggi ho fatto lo shampoo ai miei pennelli e volevo condividere con voi quest’esperienza.
E’ stato il primo shampoo per il mio adorato kabuki…per cui ero un po’ timorosa!
Non ci si accorge di quanto sono sporchi i propri pennelli finché non li si lava!

Ci sono due metodi per pulire i propri pennelli:

PRIMO METODO
Metodo veloce per passare da un colore ad un altro, o per pulire i pennelli se utilizzati su altre persone.

Acquistare al supermercato l’alcool Buongusto a 95° e versarne una piccola quantità in un flacone spray. Prendere un fazzoletto di carta, spruzzare l’ alcool e passare sopra il pennello.
Sul fazzoletto si depositerà il colore presente sul pennello, che dopo pochi secondi sarà pulito e pronto per esser riutilizzato (per colori molto scuri o se il pennello non è ancora pulito, si può ripetere l’operazione, spruzzando l’ alcool anche sul pennello).


SECONDO METODO: SHAMPOO
Metodo ideale per una pulizia profonda del pennello, da effettuare con più o meno frequenza, in base all’ utilizzo del pennello.

Va effettuato in un lavandino. Prendere il pennello, bagnare le setole, ed applicare sul palmo della mano una piccola quantità di shampoo per neonati o biologico (delicato) o gli appositi prodotti che vendono nelle varie profumerie (io preferisco utilizzare uno shampoo delicato, più sicuro ed economico). Ho utilizzato il Fisio shampoo biologico all’ olio di argan della Omia Laboratories, molto delicato e nutriente.
Si può utilizzare anche un sapone neutro delicato, come il sapone di Marsiglia: in questo caso prendere i pennelli, bagnarli e passarli direttamente sulla saponetta, impregnando le setole di sapone.
Se si utilizza uno shampoo o sapone liquido delicato, intingere il pennello nello shampoo ed effettuare dei movimenti circolari sul palmo della mano, passare il pennello nelle varie direzioni (avanti e indietro) ed alternare movimenti circolari, lasciando penetrare lo shampoo tra le setole. Uscirà una schiuma sporca.
Sciacquare le setole sotto l’acqua corrente e ripetere l’operazione finché la schiuma non sarà bianca e, dopo il risciacquo, uscirà acqua pulita.

Terminato il lavaggio strizzare leggermente il pennello dandone la forma originaria e farlo asciugare posizionando il pennello su una superficie orizzontale, prestando attenzione alle setole: devono restare fuori da tale piano, in modo da non appiattirsi e mantenere la forma originaria (soprattutto i pennelli viso).

Cosa molto importante, fare attenzione a non bagnare l’attaccatura del pennello al manico, cioè la parte di plastica o legno che si attacca alla parte in metallo.
È importante, perché altrimenti il pennello potrebbe scollarsi!

Mai lasciare i pennelli ancora bagnati o umidi coperti, perché così si aiutano germi e batteri a crescere tra le setole. Invece, dopo averli lavati, tamponarli con una pezza di stoffa pulita e lasciarli in un luogo ben areato dove si è sicuri che non cada niente sopra.

Ogni tanto girali in modo da far prendere aria anche alle altre parti del pennello.

I pennelli labbra e occhi ci metteranno meno ad asciugare, rispetto ai pennelli viso.

Controllare che i pennelli non assumano una forma diversa durante l’asciugatura, in caso contrario, inumidire le setole, strizzarle delicatamente per rimuovere l'eccesso d'acqua e strofinarle delicatamente su di una saponetta asciutta. Quando le setole saranno interamente ricoperte di sapone rimodellarne la forma premendo con le dita per ricompattarle e lasciarle asciugare per qualche giorno. Quindi sciacquare accuratamente con acqua tiepida ed asciugare normalmente.





N.B. Non scambiare mai i pennelli con le amiche: può succedere infatti di scambiarsi a vicenda batteri dannosi, rischiando di prendere qualche brutta infezione o di trasmetterla.
Non toccare le setole con le mani: sono il primo veicolo di germi e batteri, capaci di irritare la pelle e causare, tra gli altri, anche l’acne sul viso.

Questi sono gli ultimi pennelli che ho acquistato:



Avon pennello per ombretto con sfumino 2,99 euro.
ELF pennello angolato per blush e counturing 2,25 euro.

Il prossimo acquisto sarà un pennello labbra...consigli?

Questo è tutto. Spero di esservi stata utile!

16 commenti:

  1. ottimo post Katia! adesso però devi farne uno per me!... uno dove mi spieghi come si usano i vari pennelli. sono una frana, ne ho tanti a casa ma non li uso perchè non so per cosa sono! :D

    RispondiElimina
  2. Dovrei vederli...comunque su alcuni pennelli, ad esempio il mio nuovo pennello della ELF, c'è scritto per cosa servono! Molti hanno delle forme particolari che ti aiutano a capire per cosa sono ideati, ma alla fine sarai tu, sulla base dell'utilizzo, a capire come preferisci adoperarli!

    RispondiElimina
  3. ho pulito i miei pennelli più o meno con questa tecnica...sempre utile leggere questi post

    RispondiElimina
  4. Utilizzo anch'io queste tecniche, un post veramente interessante! :)

    RispondiElimina
  5. post utilissimo, c'è sempre da imparare!

    RispondiElimina
  6. nel tuo blog trovo sempre dei post utilissimi e carichi di consigli..dovrei giusto pulire i miei pennelli e credo proprio che metterò in atto le tue tecniche!!

    RispondiElimina
  7. Anche io pulisco i pennelli,ma ci sono ragazze che non lo fanno,brava diffondiamo questa notizia!

    RispondiElimina
  8. Mai pulito i pennelli in vita mia,seguiro' i tuoi preziosi consigli, grazie cara :)

    RispondiElimina
  9. il metodo con l'alcol non lo sapevo..utilissimo! grazie mille ^_^

    RispondiElimina
  10. non sono pratica di pennelli, ma mi piace la tecnica dell'alcool, quella dello shampoo mi pare più lunga e difficile per me che non sono tanto brava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il metodo con alcool è veloce e pratico, ma lo shampoo va effettuato per una pulizia più profonda.

      Elimina
  11. voglio provare il primo metodo!! Grazie dei consigli!
    Alessandra

    RispondiElimina
  12. io i miei pennelli dimentico sempre di lavarli dovrei puntare una sveglia per ricordarmi e credo proprio che seguirò uno dei tuoi metodi

    RispondiElimina
  13. Ma lo sai che non conoscevo questa pratica? Grazie

    RispondiElimina
  14. Anche io faccio cosi
    baci cara


    http://ilfashionbeuty.blogspot.it/

    RispondiElimina
  15. oh!! e io che mi sono sempre chiesta quale fosse il modo! ora lo so..finalmente darò una bella pulita! grazie!
    vale

    RispondiElimina